fbpx
Prenota un appuntamento: 06 9941916 contatti@falegnameriedesign.it

La luce soffusa che entra dal tetto, lo spiovente che crea angoli riparati nei quali rifugiarsi, il panorama visto dal punto più alto della casa: questo (e molto altro) è il bello di avere una mansarda. Scopri come arredare una mansarda, può essere un modo per vivere a pieno una stanza dalle infinite possibilità.

Un fascino immutato nel tempo

Sai qual è l’origine della parola mansarda? Deriva dal francese mansarde, che a sua volta deve le sue origini al nome dell’architetto Francois Mansart (1598-1666) il quale progettò per primo questo elemento architettonico.

Da allora, nelle mansarde di tutta Europa sono state raccolte provviste, ammassati bauli e dimenticati pezzi d’arredamento finché le classi meno abbienti non hanno iniziato ad abitarle. Spesso non erano riscaldate e l’arredamento si riduceva al minimo indispensabile, ma poi le cose sono cambiate.

Necessità fa virtù

Dall’ottocento fino al dopoguerra, le mansarde hanno iniziato ad essere abitate da studenti e intellettuali. Grazie a prezzi d’affitto piuttosto bassi, sotto i tetti delle principali capitali europee, ad un passo dal cielo, hanno preso forma opere d’arte e letterarie, ma anche vita i più grandi pensieri del secolo scorso. Da allora, il loro fascino bohémienne è rimasto invariato.

Arredare una mansarda è un gioco da ragazzi

Oggi le mansarde non sono più – o per lo meno, non nella maggior parte dei casi – case per studenti. Sono diventate stanze o interi appartamenti che permettono a chi le vive di dare sfogo alla propria creatività. Sono le unità abitative che meglio si prestano a giocare con le forme, alla valorizzazione degli elementi architettonici e a svelare spazi inaspettati da sfruttare.

La soluzione ideale per poter vivere al meglio la tua mansarda è farsi ispirare (e se stai leggendo questo articolo, sei sulla strada giusta). Continua a leggere e scopri 5 consigli utili su come arredare una mansarda!

1) Loft, camera o ufficio?

Hai una mansarda in casa che è rimasta inutilizzata per troppo tempo? Vuoi darle una seconda chance ma non sai in cosa trasformarla?
Vista la sua posizione distaccata da tutte le altre stanze può essere una zona perfetta dove ricavare:
uno studio dove concentrarti al meglio per lavorare;
Un salotto, una stanza per guardare i film, leggere o semplicemente rilassarti;
Una camera da letto, magari per gli ospiti così che possano avere la loro privacy.

Oppure hai la grande fortuna di avere tutto un appartamento mansardato e vuoi ottenere il massimo dagli spazi che hai a disposizione? Sai che si potrebbe prestare alla perfezione a diventare un loft open space? Sfrutta l’arredamento per dare un senso di passaggio da una stanza all’altra e approfitta di tutta la luce naturale che hai a disposizione!

2) Trova uno stile preciso

Che sia una stanza, o un intero appartamento, trovare uno stile unico per mobili e complementi d’arredo è fondamentale. Industrial, etnico, minimal? Poco importa. L’unica regola è che tutto, anche i minimi dettagli, sia uniforme e armonioso.

3) Scegli i mobili giusti

Siamo arrivati al punto cruciale. Per arredare una mansarda è necessario valutare bene gli spazi e poi realizzare mobili su misura. Ottimizza lo spazio con letti o divani contenitori, cassettiere e cassapanche realizzate al millimetro, librerie e armadi a muro che si adattano alla perfezione alle pareti, così da lasciare ampi spazi aperti e dare uno stile arioso alla tua mansarda.

Sicuramente il legno è il materiale che meglio si adatta a queste necessità. Pochi elementi, ma essenziali e ben studiati, non soffocheranno gli spazi: affidati al nostro interior designer e realizzate insieme un progetto per arredare una mansarda su misura.

4) Pochi colori, ma buoni

Ora che hai trovato la funzione, lo stile ed hai un’idea dei mobili su misura che vuoi realizzare per la tua mansarda, passa ai colori. Considera che la luminosità che hai a disposizione dipende non solo dall’orientamento dell’appartamento, ma anche dalle dimensioni dei lucernari. Quindi la scelta più sicura sono i colori chiari, dalle tonalità neutre o calde come il crema o il bianco panna. Tendenzialmente gli ambienti ed il soffitto spiovente creano di per sé zone di luce ed ombre, dunque non servirà giocare troppo con le cromie.

E se vuoi dare un tocco di brio in più, sfrutta i tessuti o gli accessori che possono essere di colori accesi e che vivacizzeranno il tutto.

5) Illumina a regola d’arte

Di giorno, sfrutta il più possibile la luce solare, con lucernari, finestre a tetto e abbaini: essere all’ultimo piano ha i suoi vantaggi. Per l’illuminazione artificiale, visto che solitamente le mansarde sono troppo basse per accogliere luci a sospensione, opta per lampade da terra. Riuscirai ad illuminare al meglio i punti ciechi e a diffondere la luce in tutto lo spazio.

Ora che sai come arredare una mansarda e quali aspetti tenere in considerazione, non ti resta che passare all’opera! Chiedici un preventivo, insieme possiamo trasformare il tuo progetto in realtà!

Chiama per info